Riso rosso fermentato: effetti collaterali

Introduzione

riso rosso fermentato: effetti collaterali

Prima di vedere quali sono i possibili effetti collaterali dell’assunzione di riso rosso fermentato vediamo innanzitutto di che cosa si tratta.


Il riso rosso fermentato viene ottenuto dal processo di fermentazione del riso che ogni giorno è usato in cucina sfruttando le caratteristiche del lievito rosso.

Dalla cina con furore

Il riso rosso, già nell’ antichità, veniva utilizzato in Cina e in Estremo Oriente nell’ambito di cure medicinali. Oggi è abbastanza diffuso anche in Occidente soprattutto per le esigenze di chi vuole perdere peso.

Riso rosso fermentato VS Riso rosso Integrale

Attenzione però, sto parlando di riso rosso e non di riso rosso fermentato.
Nel web c’è un po’ di confusione in merito. Infatti, il riso rosso fermentato ha dei principi attivi che nulla hanno a che fare con quelle contenute nel semplice riso o riso rosso integrale.

Dieta del riso

Il riso rosso, in effetti, viene utilizzato da coloro che vogliono perdere peso nell’ambito di una precisa dieta dimagrante. Questa dieta è conosciuta con il nome di “Dieta del riso”. Questa dieta sfrutta il potere saziante del riso in generale ma in particolare quello del riso rosso integrale.

Riso rosso fermentato da Monascus Purpureo

Il riso rosso fermentato invece è riso fermentato con un particolare lievito ( monascus purpureo) che gode di particolari effetti benefici sul metabolismo del colesterolo. Infatti, ha un effetto soprattutto sul livello di colesterolo nel sangue abbassando il quantitativo in maniera considerevolmente.

Effetti collaterali a breve e lungo termine

Effetti collaterali per eccesso di principio attivo

Recenti studi hanno dimostrato come il consumo di importanti dosi di riso rosso fermentato usata in un tempo ristretto può comportare degli effetti collaterali. Questa osservazione ha senso esclusivamente se si parla di dosaggi di principio attivo molto alti che non si possono raggiungere con normali integratori.

A questi dosaggi può insorgere tossicità epatica, miopatia e rabdomiolisi.

Tossicità epatica

La condizione di tossicità epatica si ha quando nel corpo ci sono delle sostanze chimiche che sono in grado di procurare dei danni al fegato. La sintomatologia di questa condizione è piuttosto precisa in quanto si verifica una situazione di insufficienza epatica. L’insuficenza epatica per cui c’è l’ingiallimento della pelle e la sclera degli occhi. In aggiunta si avverte un dolore piuttosto ficcante nella parte alta destra dell’addome. Tra l’altro non mancano neppure la nausea, la sensazione di vomito e un malessere generale che inficia sulla qualità di vita.

Riso rosso fermentato e miopatie

Le miopatie invece sono delle malattie che hanno come principale risultato quello di danneggiare i muscoli volontari. Nella casistica di muscoli che possono essere danneggiati da un utilizzo eccessivo del riso rosso fermentato rientra anche il cuore.

Rabdomiolisi

Si parla invece di rabdomiolisi quando ci sono dei danni a carico del muscolo scheletrico.

I sintomi anche in questo caso sono abbastanza definiti perché c’è una situazione di affaticamento generale. Oltre a questo vi si presenta un ulteriore evidenza clinica ossia la colorazione rosso/brunastro che assumono le urine. Questa colorazione avviene perché la patologia causa un riversamento del pigmento mioglobina nel sangue.
Questa disfunzione, oltre a dare questo caratteristico colore alle urine, va ad alterare diverse attività fisiologiche.

Il riso rosso fermentato ha degli effetti collaterali ma…

Ti voglio comunque tranquillizzare in quanto gli effetti collaterali si presentano solamente nel caso in cui si assumano delle dosi esagerate di riso rosso fermentato.

La dose eccessiva, oltre essere, come già detto, difficile da raggiuingere con i normali integratori in commercio, deve essere assunta anche per periodi piuttosto lunghi.

Effetti collaterali confrontati alle statine

L’effetto che il riso rosso fermentato ha a livello del metabolismo del colesterolo è del tutto simile a quello delle statine.

Partendo da questa semplice affermazione che si basa peraltro su evidenze di natura scientifica, è possibile pensare che:

  • La presenza di effetti collaterali possono essere confrontati con quelli delle statine.
  • Il riso rosso fermentatoha gli stessi effetti delle statine.

In realtà il riso rosso fermentato è decisamente più tollerato e presenta molti meno effetti collaterali.

I risultati ottenuti con il riso rosso fermentato sono importanti nella riduzione del rischio cardiovascolare. Infatti, offre un’importante azione antinfiammatoria, fungendo da vasodilatatore e riducendo i livelli di lipoproteina A.

Studi approfonditi evidenziano come alcune persone intolleranti alle statine sono invece riuscite a sopportare efficacemente un trattamento a base di riso rosso fermentato.

Le statine hanno degli effetti indesiderati come i disturbi gastrointestinali, mal di testa e reazioni allergiche. Inoltre posssono portare uno stato di debolezza cronica, disturbi del sonno e l’innalzamento dei livelli degli enzimi epatici nel sangue.

Tali effetti si riscontrano anche nel consumo di riso rosso fermentato ma con dosi nettamente maggiori.

Effetti collaterali del riso rosso fermentato nel trattamento della dislipidemia

Con il termine dislipidemia si indica una condizione causata dall’alterazione delle quantità di lipidi e dunque dei grassi nel sangue. Ci sono state negli anni delle ricerche scientifiche per valutare gli effetti collaterali. Fra queste, in particolare, gli effetti che si presentano nel trattare la dislipidemia con l’utilizzo del riso rosso fermentato https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28601545/.

L’abbassamento del colesterolo viene indubbiamente ottenuto perché l’efficacia è simile a quella delle statine.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali, la casistica è molto ampia. Infatti, possono esserci della reazioni gastrointestinali, danni epatici, reazioni cutanee, dolori muscolari e la rottura delle cellule muscolari. Questo genere di trattamento va sempre supervisionato da un medico.

Controindicazioni del riso rosso fermentato

Ci sono delle controindicazioni nell’uso del riso rosso fermentato.
In particolare, in alcune situazioni, è bene evitarne l’utilizzo se non dopo aver sentito il proprio medico curante. Da notare che, l’assunzione del riso rosso fermentato è controindicato durante la gravidanza oppure il periodo di allattamento. In aggiunta non bisogna utilizzare questa sostanza durante l’età infantile e in condizioni relative a disordini epatici o renali. Massima attenzione va fatta nella somministrazione della sostanza in caso di incallito consumatore di alcol.

Interazione con farmaci

Quando si assumono determinati farmaci è bene informare il proprio medico curante sull’eventualità di utilizzare il riso rosso fermentato.
In particolare se già si usano dei farmaci per abbassare il livello di colesterolo nel sangue.

In linea generale usa il riso rosso fermentato in accordo con il tuo medico. Se il tuo medico non conosce questa sostanza è un’ottima occasione per invitarlo a leggerne la letteratura scentifica.

E’ comunque noto che se si stanno assumendo degli anticoagulanti è meglio porre più attenzione. Infatti, assumere il riso rosso fermentato può aumentare il rischio di incappare in problematiche di sanguinamento.

Per quanto riguarda altre tipologie di farmaci come Imuran, Tagamet, Biaxin oppure Voltaren, ricordati che il riso rosso fermentato agisce come le statine. Questo significa che va sempre valutato l’uso di questo integratore assieme al proprio medico curante.